La "camera obscura"

"La sperientia che mostra come li obbietti mandino le loro spetie over similitudini intersegate dentro all'occhio nello umore albugino, si dimostra quando per alcuno piccolo spiraculo rotondo penetrano le spetie delli obbietti alluminati in abitatione fortemente oscura: allora tu riceverai tale spetie in una carta bianca posta dentro a tale abitatione lquanto vicina a esso spiraculo e vedrai tutti li predetti obbietti in essa carta colle loro proprie figure e colori ma saran minori e fieno sottosopra per causa della intersegatione li quali simulacri se nascieranno di loco alluminato del sole saran proprio dipinti in essa carta la quale vuole essere sottilissima e veduta da rovescio e lo spiraculo detto sia fatto in piastra sottilissima di ferro".
( Leonardo da Vinci - Codice Atlantico)

La conoscenza della fisica della camera obscura affonda le radici negli studi ottici degli antichi greci, tuttavia rimase inapplicata fino al rinascimento, quando gli artisti avvertirono la necessità di una rappresentazione più fedele della realtà.
In questo contesto Filippo Brunelleschi fu il primo a dettare le regole per una corretta costruzione prospettica ed egli stesso utilizzò uno strano marchingegno che aveva molte caratteristiche tipiche della camera obscura nel corso della costruzione della cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze.
L'invenzione della camera obscura avvenne quindi in funzione degli studi sulla prospettiva e per molto tempo rimase uno strumento "meccanico" (non certo artistico) indispensabile per architetti e pittori, come ad esempio Canaletto, che usava la camera obscura per "vedere" i paesaggi di Venezia.

Nel corso del tempo la camera obscura assunse molte forme diverse: poteva essere una carrozza oscurata, una tenda o una scatola; fondamentalmente però era uno strumento di semplice osservazione o di "ripresa", cioè di forma tale da consentire il ricalco dell'immagine. La versione fotografica della camera obscura è la fotocamera stenopeica, che differisce dalla camera obscura solo per il fatto di essere predisposta per contenere un supporto sensibile alla luce, su cui si forma l'immagine.

Costruire una fotocamera stenopeica è molto semplice perchè è sufficiente praticare un piccolo foro circolare in una qualunque scatola a tenuta di luce, non a caso queste fotocamere sono chiamate anche pinhole ("foro di spillo"). Se poi volete ottenere un prodotto più sofisticato vi sarà facile calcolare un mirino corrispondente all'inquadratura del vostro obiettivo, aggiungere un semplice otturatore ed aumentare l'autonomia utilizzando una pellicola in rullo. Una variante semplice ed efficace consiste nell'utilizzare una qualunque macchina fotografica praticando un piccolo foro nell tappo del corpo macchina. Il risultato è garantito ma se volete ottenere la massima qualità non dimenticate alcune misure "ottimali" suggerite dai guru del pinhole:

focale     diametro     fattore di correzione rispetto a f/22
20 mm     0.20 mm     20x
30 mm     0.24 mm     30x
40 mm     0.28 mm     40x
50 mm     0.29 mm     60x
75 mm     0.35 mm     95x
100 mm   0.41 mm    125x

La fotografia stenopeica è caratterizzata da una nitidezza piuttosto bassa, dall'assenza di distorsioni e dalla profondità di campo praticamente infinita. Ha grandi possibilità creative e molti artisti la utilizzano ancora oggi.

Indice

www.photogallery.it
All photographs and texts copyright PhotoGallery. All rights are reserved under italian and international copyright laws. No part of PhotoGallery's archive may be reproduced or transmitted by any means, without permission in writing from the publisher. PhotoGallery reserves the right not to allow any given image to be reproduced in a particular context.
Contact PhotoGallery with your enquiry about reproducing a photograph or a text.